premio curiosità

La meravigliosa Bratinez mi ha nominata per il Premio Curiosità: la ringrazio inviandole un affettuoso bacio virtuale e mi scuso per il ritardo con cui ottempero ai miei doveri (il fatto è che ero appena stata taggata su Facebook in quel giochino in cui devi elencare i tuoi 10 libri preferiti e poi taggare altre persone, avete presente? Be’, ho una sorta di principio morale che mi impedisce di partecipare a più di una catena di sant’Antonio al mese. Così. Bisogna pur darsi dei limiti).

curioso

Dopo aver messo la foto del gatto (e mi unisco alla Bratinez nel chiedere: che c’entra il gatto?), mi appresto, come da istruzioni, a rispondere a cinque domande a scelta tra le 15 proposte dalla Tandi (complimenti vivissimi a quest’ultima per la creatività domandesca).

1. Partecipi ad un raduno di blogger; ti metti nel gruppo dei casinisti, dei tranquilli oppure degli asociali?
Rispondo a questa domanda solo per dire che io, tristemente, a un raduno di blogger non ci sono mai stata (a meno che due blogger non sia un raduno). Ora dovreste sentirvi in colpa, e correre a organizzare un raduno a cui invitarmi. Ma ve lo dico subito: sono così asociale che rimarrei a casa.

2. Il gruppo musicale/film/libro che il Mondo idolatra e che tu non riesci ad apprezzare nemmeno impegnandoti? Io, ad esempio, ho dei seri problemi con Siddharta.
Breaking Bad. Con grande sforzo, mi sono obbligata a guardare tutta la prima stagione, incoraggiata dalla folla che mi ripeteva: “diventa sempre meglio”. Non è vero. Però ne approfitto per dire che mi fa molto ridere la possibile traduzione italiana “Rompendo il cattivo”.

3. Descrivici il tuo comfort food per eccellenza, ossia, per la rubrica “Speak as you eat”, cosa mangi per tirarti su di morale? Sono gradite ricette (livello di difficoltà non superiore alle due stelline, o cucchiai, o mestoli, grazie).
Qualunque cosa di ipercalorico va bene, ma una “ricetta” semplice quanto infallibile è la seguente: andare all’Ikea, guardare tutta l’esposizione mobili anche se non ti serve niente, e poi prendere quei biscotti nelle scatole di cartone, quelli col cioccolato, quelli che sembra di mordere grasso puro. Insomma, i Kakor Chokladflarn. Cinque euro e novantanove per seicento grammi di felicità. Gnam.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

4. Consigliaci un libro che noi siamo gente acculturata (avevo scritto giente accoltorata ma vabbè).
Colgo l’occasione per aggiungere un po’ di piccante a questo blog noioso, con libricino erotico, e ironico, secondo me molto divertente: “Le Manuel de civilité pour les petites filles à l’usage des maisons d’éducation”, in italiano “Piccolo galateo erotico per fanciulle”, di Pierre Louÿs (uno dei pochi uomini al mondo con una dieresi sulla ipsilon).
Potrete trovare consigli utili come questo: “Non esigete dalla cameriera che vi lecchi più di due volte al giorno. Non bisogna affaticare la servitù.”
(Altre citazioni qui).

5. A che mese i bambini iniziano a mettere su i denti da latte?
L’eruzione dei denti decidui, detti anche “denti da latte” o “temporanei”, avviene dai 4 mesi e mezzo fino ai due anni circa (grazie, Wikipedia).

toothDevelopment

Ora, facciamo finta che ho nominato altre cinque persone. (Sorry!)
In compenso, un momento nostalgia causato dalla Bratinez e dalla sua abbuffata di MtvClassic: ecco un piccolo approfondimento sui Savage Garden, famosi ai tempi della mia infanzia/preadolescenza. Enjoy.

I Savage Garden erano un duo composto da Darren Hayes e Daniel Jones, formato nel 1994 e tristemente sciolto nel 2001 (mi dispiace darvi questa cattiva notizia).
Il nome Savage Garden viene dalle Cronache di vampiri di Anne Rice: “La mente di ogni uomo è un giardino selvaggio” (“The mind of each man is a savage garden”).
Darren Hayes: cantautore, australiano, 42enne, gay (nonostante nel video di I Knew I Loved You si scambiasse sguardi sexy con una donna – ma perché?!), appassionato di Guerre stellari. Dopo lo scioglimento dei Savage Garden, ha pubblicato cinque album da solista.

Ma quanto era carina questa canzone? (La nostalgia ti fa sembrare stupende anche le canzoni più orrende). Quella che dice così:

I would fly to the moon and back if you’ll be my baby
Got a ticket for a world where we belong
So would you be my baby?

Il prossimo post sarà sui mitocondri e sull’endosimbiosi. Stay tuned.

Annunci

6 pensieri riguardo “premio curiosità

  1. Si comunque dì a wikipedia che sta accelerando un po’ i tempi, a me i “second molars” hanno cominciato ad uscire a sono usciti a 23 anni, di certo non a 13…adesso, alla veneranda età di 26 anni e 11 mesi, stanno cominciando a venire fuori anche i denti del giudizio, ma solo un po’.

    P.s. il gatto ci sta perché è un animale curioso e morirà (tanto va la gatta al largo che ci lascia lo zampino, o più semplicemente e britishamente, curiosity killed the cat)

    Mi piace

Commenta!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...